Wicked: from musical to Disney animated movie


elphaba con scritta Wicked diverso font

Do you know the famous musical Wicked? Well, I drew Elphaba‘s cartoon as you can see in the picture above and I coloured it on Photoshop. I was inspired by Minkyu Lee‘s drawings.

wicked

Minkyu Lee‘s sketches

Minkyu Lee is an animator and visual development artist for Disney whose credits include The Princess and the Frog and Frozen. In December 2013 he posted on his Tumblr page called reverianslip.tumblr.com (no longer available) some sketches based on a possible animated version of the Broadway musical Wicked. He did those drawings when he was still a student at CalArts.

His friend Heidi Jo Gilbert storyboarded the Wicked song Defying Gravity in her spare time as a personal project and released an animatic video. Watch her video below. Enjoy!

wicked_musical___wallpaper_by_rymae-d5jbvcf

his friend, Heidi Jo Gilbert who storyboarded the Wicked song Defying Gravity in her spare time as a personal project and has garnered much positive critical attention ever since she released an animatic video – See more at: http://fairytalenewsblog.blogspot.it/2013/12/old-animation-development-art-for.html#sthash.Nk5PDeuJ.dpuf
his friend, Heidi Jo Gilbert who storyboarded the Wicked song Defying Gravity in her spare time as a personal project and has garnered much positive critical attention ever since she released an animatic video – See more at: http://fairytalenewsblog.blogspot.it/2013/12/old-animation-development-art-for.html#sthash.Nk5PDeuJ.dpuf
his friend, Heidi Jo Gilbert who storyboarded the Wicked song Defying Gravity in her spare time as a personal project and has garnered much positive critical attention ever since she released an animatic video – See more at: http://fairytalenewsblog.blogspot.it/2013/12/old-animation-development-art-for.html#sthash.Nk5PDeuJ.dpuf
s friend, Heidi Jo Gilbert who storyboarded the Wicked song Defying Gravity in her spare time as a personal project and has garnered much positive critical attention ever since she released an animatic video – See more at: http://fairytalenewsblog.blogspot.it/2013/12/old-animation-development-art-for.html#sthash.Nk5PDeuJ.dpuf
Advertisements

Gustav Klimt: l’Arte salverà il Mondo


I apologize, but I hadn’t the time to translate this post into English. I wrote about Gustav Klimt‘s art exhibition in Milan from 12 March to 13 July 2014 at Palazzo Reale. It is very well-made: if you visit Milan in that period don’t miss this event! (The link to the website is here).

* * *

Gustav Klimt nacque nel 1862 a Vienna. Ebbe una formazione artistica tradizionale, ma divenne uno dei massimi esponenti della Secessione viennese.

Per gli amanti del grande pittore autriaco è in corso una mostra d’arte al Palazzo Reale di Milano dal 12 marzo al 13 luglio 2014 intitolata “Klimt. Alle origini di un mito”. L’esposizione è stata realizzata in collaborazione con il museo Belvedere di Vienna. (Il link al sito della mostra è qui).

palazzo_secessionePalazzo Secessione, Vienna

La visita inizia con un’introduzione alla vita dell’artista e col presentare alcuni dei personaggi chiave della sua esistenza come il fratello minore Ernst Klimt e l’amico Franz Matsch. Insieme a questi ultimi, Klimt ricevette le prime commissioni importanti, tra cui l’incarico di decorare gli interni di alcuni palazzi che costeggiavano la Ringstrasse: le scalinate del museo Kunsthistorisches Museum e del teatro Burgtheater.

Gustav-Klimt-Judith-II-Salome-detail-1909Salomé (1909), Gustav Klimt

In seguito ad alcuni importanti avvenimenti, tra cui la morte del fratello Ernst, Gustav Klimt cambiò radicalmente il suo stile artistico, abbandonando il limpido stile storicista tanto amato dai viennesi per accogliere lo stile degli artisti della Secessione viennese.

Alla mostra presso il Palazzo Reale sono esposti ben 20 dipinti di Klimt, tra cui Adamo ed Eva (1917-1918) e Salomé (1909). Quest’ultima opera rappresenta Giuditta sottoforma di femme fatale, tema riccorente nella letteratura e pittura dell’epoca. Il dipinto venne acquistato nel 1910 dal Comune di Venezia ed è solitamente esposto alla Galleria internazionale d’arte moderna della Serenissima. Per quanto riguarda Adamo ed Eva, esso è incompiuto. Infatti, si tratta dell’ultimo dipinto di Gustav Klimt che morì il 6 febbraio 1918.

klimt_adamo-evaAdamo ed Eva (1917-1918), Gustav Klimt

Una delle opere più belle e interessanti della mostra è la riproduzione del Fregio di Beethoven, oggi conservato nel Palazzo della Secessione a Vienna. Klimt realizzò il fregio in occasione della XIV esposizione degli artisti aderenti alla Secessione. La mostra ebbe luogo nel 1902. La Nona Sinfonia di Beethoven è il motivo ispiratore di quest’opera. Essa si compone di 3 parti: “L’anelito alla felicità“, che si scontra con le “Forze ostili” e trionfa con “l’Inno alla gioia“. Il protagonista del dipinto è un Cavaliere che rappresenta l’Artista avente il volto di Beethoven e con indosso un’armatura dorata. E’ questo eroe che dovrà affrontare diverse prove per raggiungere la vera felicità. Il Cavaliere, infatti, affronta il Dolore, la Sofferenza, la Malattia, la Morte fino a spogliarsi della propria armatura e a stringere in un avvolgente abbraccio la Poesia, rappresentata da una Donna. Sarà infatti proprio l’Arte, secondo la visione del poeta a salvare l’uomo e a donargli la vera Gioia.

Fregio di Beethoven - KlimtParticolare del Fregio di Beethoven, Palazzo della Secessione, Vienna

Nonostante i tanti difetti o i veri e propri mali del Mondo, una delle cose più belle e buone dell’uomo è proprio l’Arte. È attraverso essa, che l’umanità si eleva e può anelare all’infinito. Come scriveva il grande poeta romantico John Keats: <<Una cosa bella è una gioia per sempre>>.

ESA astronaut Luca Parmitano and space’s indescribable beauty


Luca Parmitano is an Italian astronaut of the European Space Agency (ESA), just returned to Earth after a long mission to the International Space Station (ISS).

His mission was called Volare and he stayed in space for 166 days, from May to November 2013. On 9 July at 14.15 p.m. he was the first Italian astronaut to perform a spacewalk outside the ISS.

Luca_Parmitano_EMU

During the same mission he performed also a second spacewalk, that turned-out to be a very dangerous one because of serious technical problems, but Luca managed to remain calm, returning safely to inside the ISS.

On 20 February 2014, Parmitano was invited as a guest at Sanremo, the famous Italian music festival. He was interviewed by Fabio Fazio, the festival’s showman, and answered to a few questions related to his life in space. “If we observe the Earth from space there are no limits”, said Parmitano, “since I was a child, I was animated by Ulysses’ gene. That gene drives you to go beyond your limits”.

Terza serata del 64esimo Festival della canzone italiana

Fabio Fazio asked him to describe how our planet looks from space, but Parmitano explained: “I don’t have the words to describe how Earth looks like from space. To describe that properly you need a poet”.

Every day the International Space Station (ISS) orbits 16 times around Earth: “16 sunrises and 16 sunsets like Antoine de Saint-Exupéry’s Little Prince”, observed jokingly Parmitano.

We can see the ISS from Earth: there are websites to track its position in the sky. (If you are interested, check ESA’s website). Parmitano had the possibility to phone his mother while the ISS was passing above Sicily, and his mother was able to see that brightest point, aware that it was the trace of Luca’s extraordinary ride in the sky.

During his participation at Sanremo Festival, the Italian astronaut read a very beautiful and touching letter, written by him. We can report it as follows: “A thing of beauty is a joy forever (this is a line written by the great romantic poet John Keats, and I apologise with him for my literary inadequacy). When I was up there on the space station, I thought that if Beauty is in the eyes of who observes, my eyes will never be able to contain Earth’s Beauty as I could see it from the ISS’ Cupola.

parmitano_____sulla_iss_mi_sento_a_casa____3815Photo: ESA

I tried to fill my eyes of what I was watching in order to transform it in indelible memories. I wouldn’t want to forget anything of what I was seeing. What I was observing was so immense, incredible and different from my earth life that I was worried to forget something or remember just a little part of the whole. In those moments I understood that the Beauty is not just visible. The sensation of a light ray’s warmness, which passed through one of the Cupola’s seven windows and cleared up my face, had the same primordial intensity of my daughter’s green eyes in which I get lost when she looks at me and brushes my cheek with her little fingers.

parmitano saluta le figlie mentre parte da Baikonur

The incompressible Beauty of absolute Silence, which I knew was outside the Cupola, was tempered by the music’s memory, wonderfully human, that every child listens to, while he lets himself be wrapped by the ancient and precious sound of his mother’s song, who accompanies his son to sleep. A thing of beauty is a joy forever”.

If you want to see Parmitano’s participation at Sanremo Festival watch the following video:

If you can read in Italian and you want to relive Parmitano’s experience in space, read his blog here.

* * *

L’ASTRONAUTA DELL’ESA LUCA PARMITANO E L’INDESCRIVIBILE BELLEZZA DELLO SPAZIO

Luca Parmitano è un astronauta italiano dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA). È appena tornato sulla Terra dopo aver trascorso 6 mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) durante la sua missione Volare. È rimasto nello spazio per 166 giorni, da maggio a novembre 2013. Il 9 luglio alle 14.15 è stato il primo astronauta italiano a compiere una passeggiata spaziale fuori dalla Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Luca_spacewalker_node_full_imagePhoto: ESA

Durante la stessa missione ha anche effettuato una seconda passeggiata spaziale che si è rivelata essere molto pericolosa a causa di alcuni problemi tecnici, ma Luca ha mantenuto la calma ed è tornato sano e salvo sulla ISS.

Il 20 febbraio 2014, ha partecipato come ospite al Festival di Sanremo. È stato intervistato dal presentatore Fabio Fazio e ha risposto ad alcune domande inerenti la sua vita nello spazio. “Se osserviamo la Terra dallo spazio non ci sono limiti” ha  risposto Luca a Fazio, “fin da bambino avevo il Gene di Ulisse. È quel gene che ti spinge ad andare oltre i tuoi limiti”.

rai 1

Fabio Fazio gli ha chiesto di descrivere come appare il nostro pianeta dallo spazio, ma Parmitano ha spiegato: “Non ho le parole per descrivere come la Terra sembri dallo spazio. Ci sarebbe bisogno di un poeta”.

Ogni giorno la ISS orbita 16 volte: “16 albe e 16 tramonti come Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry”, ha osservato scherzosamente Luca. La Stazione Spaziale Internazionale può essere vista dalla Terra: ci sono siti che monitorano la posizione della ISS nel cielo. (Se siete interessati visitate il sito dell’ESA). Parmitano ha avuto la possibilità di fare una telefonata a sua madre mentre la ISS stava passando sulla Sicilia e sua madre la osservava consapevole che quel punto luminosissimo era la traccia della corsa straordinariamente di Luca nel cielo.

Durante il suo intervento al Festival di Sanremo, l’astronauta italiano ha letto una sua lettera molto bella e toccante. La riportiamo di seguito: “Una cosa bella è una gioia per sempre (questo è un verso del poeta romantico John Keats a cui chiedo profondamente scusa per la mia inadeguatezza letteraria). Quando ero lassù pensavo: se la bellezza è nello sguardo di chi osserva, allora i miei occhi non potranno mai contenere lo spettacolo che mi si offre attraverso la Cupola della Stazione Spaziale.

Luca_waiting_for_target_node_full_imagePhoto: ESA

Cercavo di riempirmi lo sguardo e di trasformare quello che vedevo in future e indelebili memorie. Avrei voluto non dimenticare nulla, neanche un particolare di quello che stavo vedendo. Quello che stavo osservando era così immenso e così insolito, così diverso da quello che un terrestre è abituato a vedere, che avevo paura di non riuscire a ricordarlo o riuscire a ricordarne solo una piccola parte. Comprendevo lassù che la bellezza non è solo visiva: la sensazione del tepore di un raggio, che attraversava una delle 7 finestre della Cupola per sfiorarmi il volto, aveva la stessa intensità primordiale degli occhi verdi di mia figlia nei quali mi sciolgo perdendomi ogni volta che con la mano mi accarezza la guancia.

figlia luca parmitano

La bellezza incomprensibile del silenzio assoluto, che sapevo esistere aldilà della Cupola, si temperava nel ricordo della musica, splendidamente umana, che ogni bambino ascolta mentre si lascia avvolgere dal caldo suono del canto antico, prezioso di una madre, che con la sua voce accompagna il figlio verso il sonno. Una cosa bella è una gioia per sempre”.

Se volete vedere l’intervento di Luca Parmitano al Festival di Sanremo guardate il seguente video:

Se volete rivivere l’esperienza nello spazio di Parmitano, leggete il suo blog qui.

Diving into space with Samantha Cristoforetti


Samantha Cristoforetti was born in 1977 in Milan, Italy. She is a Captain in the Italian Air Force and graduated (2001) from the Technische Universität Munich, Germany, with a master’s degree in mechanical engineering with specialisations in aerospace propulsion and lightweight structures.

She was selected as a European Space Agency (ESA) astronaut in May 2009. Now she is going to make history: she will be the first Italian woman astronaut to fly into space and she will be the second ESA woman astronaut. Her mission has been named Futura and her crew will include cosmonaut Anton Shkaplerov and NASA astronaut Terry Virts.

Samantha Cristoforetti NBF

Samantha is based at the European Astronaut Centre (EAC) in Cologne (Germany). She is now training for her mission in US, Russia, Canada and Japan, to familiarise with the International Space Station (ISS) systems, the Russian Soyuz spacecraft, ISS robotics and spacewalks. A very particular training is the one in the Neutral Buoyancy Facility (NBF), a special type of water pool built for astronauts training, and present in a few space centres, such as EAC or at the Johnson Space Centre in Houston, US. This type of training allows ESA astronauts to familiarise with spacewalk (or Extra-Vehicular Activity, EVA) concepts and skills, such as tethering to the Station, communicating with an EVA crewmate and with the control room. The NBF at Johnson Space Centre has a full-size reproduction of the International Space Station. (If you want to know more about the NBF, watch the following documentary from Discovery Channel).

On 30 November 2014, Samantha will be launched from Kazakhstan on the Soyuz TMA-15M spacecraft to the International Space Station (ISS). The Italian astronaut and the other members of her crew will join cosmonauts Alexandr Samokutyayev and Yelena Serova, and NASA astronaut Barry Wilmore, who will be already on the ISS. Samantha is going to carry out on the Columbus Laboratory important scientific experiments related to nutrition and health. Her mission will last about 6 months, until May 2015.

samantha

The logo for the Futura mission patch was chosen from a competition. The winner was Valerio Papeti, a 31-year old designer from Turin. The logo shows a stylised orbit of the International Space Station orbiting the Earth, symbolising the connection between our planet and the orbital outpost of the International Space Station. There is also a sunrise seen from space, symbolising the future of new discoveries and new horizons for humankind.

Futura_logo_2014-01-14_V

You can follow her training and news related to the Futura Mission on her Twitter page @AstroSamantha and on Google +, where she writes periodically a logbook as a countdown before her launch.

* * *

UN TUFFO NELLO SPAZIO CON SAMANTHA CRISTOFORETTI

Samantha Cristoforetti è nata nel 1977 a Milano. È Capitano dell’Aeronautica Militare Italiana e si è laureata nel 2001 all’Università Tecnica di Monaco di Baviera, in Germania, con un master in ingegneria meccanica con specializzazioni in propulsione aerospaziale e in strutture leggere.

Samantha è stata selezionata come astronauta ESA nel maggio 2009. Adesso entrerà nella storia: sarà la prima donna italiana astronauta a volare nello spazio e sarà la seconda astronauta donna dell’ESA. La sua missione è stata chiamata Futura e il suo equipaggio include il cosmonauta Anton Shkaplerov e Terry Virts, astronauta della NASA.

Samantha_Cristoforetti

Samantha è di base al Centro Astronautico Europeo (EAC) di Colonia, in Germania. Si sta addestrando per la propria missione negli Stati Uniti, Russia, Canada e Giappone sui sistemi della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), sulla navicella russa Soyuz, sui sistemi robotici della stazione spaziale internazionale e sulle passeggiate spaziali. Un esercizio d’addestramento molto particolare è quello effettutato all’interno del laboratorio Neutral Buoyancy Facility (letteralmente “galleggiamento neutro”), un tipo speciale di piscina utilizzata per il training degli astronauti, presente in alcuni centri spaziali come ad esempio l’EAC o il Johnson Space Centre a Houston negli Stati Uniti. Questo corso d’addestramento permette agli astronauti di prepararsi per effettuare le passeggiate spaziali, le cosiddette attività extraveicolari o EVA (Extra-Vehicular Activity), come ancorarsi alla Stazione Spaziale, comunicare con un compagno durante le attività extraveicolari o con la sala di controllo. La piscina della NBF del Johnson Space Centre include una riproduzione su scala reale della Stazione Spaziale Internazionale. (Se volete saperne di più al riguardo della NBF guardate il seguente documentario in inglese di Discovery Channel).

Il 30 novembre 2014, Samantha sarà lanciata dal cosmodromo di Baikonour in Kazakistan sulla navicella Soyuz TMA-15M per raggiungere la ISS. Lei e gli altri membri del suo equipaggio si uniranno ai cosmonauti Alexandr Samokutyayev e Yelena Serova, e a Barry Wilmore, astronauta della NASA, che già si troveranno sulla ISS. Samantha svolgerà nel Laboratorio Columbus importanti esperimenti scientifici inerenti l’alimentazione e la salute. La sua missione terminerà dopo 6 mesi, a maggio 2015.

Il logo per la sua missione è stato scelto in seguito ad un concorso. Il vincitore è risultato Valerio Papeti, designer torinese di 31 anni. L’immagine presenta la Stazione Spaziale Internazionale che orbita intorno alla Terra su di un’orbita stilizzata che rappresenta il collegamento tra il nostro pianeta e l’avamposto orbitale della Stazione Spaziale Internazionale. È anche presente un’alba vista dallo spazio a simboleggiare il futuro di nuove scoperte e nuovi orizzonti per l’umanità.

asi_cristoforetti_presentation_logo

Potete seguire l’addestramento di Samantha e le ultime notizie inerenti la missione Futura sulla pagina Twitter di Samantha @AstroSamantha e su Google +, dove lei scrive periodicamente un diario di bordo come conto alla rovescia in vista del suo lancio.

Van Gogh Alive


Have you ever closed your eyes in front of a Van Gogh‘s painting and imagined to see its colours animating? Have you ever thought to the perfect melody to associate with a masterpiece painted by the great Dutch artist?

1000969_10202265591660233_1909846246_n

Well, this is what happens at the art exhibition Van Gogh Alive at La Fabbrica del Vapore in Via Procaccini 4, Milan. This is a very original and innovative exhibition. In the beginning there are no particular news in comparison to a traditional art exhibition.

The exhibit starts with a few explanations about the most famous paintings such as Sunflowers, Starry Night, Wheat Field with Crows and The Bedroom. It is also described Van Gogh’s life from his birth (1853) to his suicide (1890).

1979662_10202265602820512_247557123_n

Later on the visitor is pleasantly bewildered by a myriad of emotions and sensations. He goes through a passage connected to a big hall immersed in darkness, but illuminated by huge screens with animated versions of the painter’s masterpieces. It is like following The White Rabbit and arrive in Alice’s Wonderland. This place is made of obscurity, but also light, colours and sounds.

20140215_173847

You may place yourself in the centre of the room and watch the paintings animating and browsing on the screens. According to the painting you may listen to a different melody and see different animations.

This experience strikes your senses. Time stops and you get lost in the music, the lights and colours of Van Gogh’s extraordinary world.

20140215_174123

Where

La Fabbrica del Vapore, Via Procaccini 4, 20154 Milano, Italy.

When

From 6 December 2013 to 16 March 2014.

Contacts

Tel. 02 33606436

http://www.vangoghalive.it/

* * *

Avete mai chiuso gli occhi di fronte ad un quadro di Van Gogh e immaginato di vedere i suoi colori animarsi? Avete mai pensato quale potesse essere la melodia ideale per accompagnare un’opera del grande genio olandese?

CIMG8709

Ebbene, questo è quello a cui si assiste alla mostra d’arte Van Gogh Alive presso la Fabbrica del Vapore di Via Procaccini 4, Milano. Si tratta di un’esposizione molto originale e innovativa.

Inizialmente non ci sono particolari novità rispetto ad uno mostra d’arte tradizionale. La visita inizia con delle tavole illustrative che spiegano alcuni dei più famosi quadri dell’artista come i Girasoli, Notte Stellata, Campo di grano con volo di corvi e Camera da letto.
Inoltre viene anche raccontata la vita di Van Gogh dalla nascita (1853) al suicidio (1890).

20140215_172352

Poco dopo, però, il visitatore viene piacevolmente sorpreso da una miriade di emozioni e sensazioni non appena attraversa un breve corridoio che porta in una grande sala completamente immersa nel buio, ma illuminata da grandi schermi che riproducono una versione animata dei quadri del pittore. È un pò come attraversare il tunnel che imbocca il Bianconiglio in Alice e il Paese delle Meraviglie e arrivare per magia in un mondo fatto di tenebra, ma anche di luci, colori e suoni.

20140215_171256

Ci si posiziona al centro della sala o al lato e in silenzio si osservano animarsi i quardi di Van Gogh che uno alla volta scorrono sugli schermi. A seconda del quardo ci sono diversi accompagnamenti musicali e animazioni.

È un’esperienza che colpisce i sensi. Il tempo si ferma e ci si perde tra la musica, le luci e i colori del magnifico mondo di Van Gogh.

Dove

Fabbrica del Vapore, Via Procaccini 4, 20154 Milano.

Quando

Dal 6 dicembre 2013 al 16 marzo 2014.

Contatti

Tel. 02 33606436

http://www.vangoghalive.it/

 

Walt Disney and Italy – A love story


<<Once upon a time, there was a great artist who had heard about a land settled by people who loved the Art and the Beauty>>.

The documentary Walt Disney and Italy – A love story, which is about Walt Disney and his relationship with Italy, starts with these words. This short film (62 minutes) is produced by The Walt Disney Company Italia and the director is Marco Spagnoli. The narrators are Serena Autieri (the Italian actress who dubbed Elsa in Frozen’s Italian version) and the journalist Vincenzo Paperica (Vincenzo Mollica‘s pseudonym).

walt-disney-e-litalia

I watched this documentary at the cinema. It was very intresting to discover how Disney’s world influneced the Italian society during the 50s and 60s. Just think to the fact that one of the most popular cars used in Italy during the 50s was Fiat 500 Topolino. 

In the short film there are many interviews to famous Italian actors (Riccardo Scamarcio, Enrico Brignano, Luca Ward), writers (Umberto eco, Gianni Rodari), journalists, singers (Edoardo Bennato), directors (Fellini), stylists (Elio Fiorucci). What do they have in common? “Topolino“. Topolino (Mickey Mouse) was a sort of “spelling-book” for them: they all learned how to read thanks to Topolino comics. 

c_Walt-Disney-e-l-Italia--Una-storia-d-amore_articolo2

The documentary explains how Topolino could be seen as the typical American and Paperino (Donald Duck) as the typical Italian. In fact Paperino was invented in Italy. The same for Paperinik and Brigitta (Uncle Scrooge‘s lover). Even Magica De Spell (Amelia in Italian) lives on the slopes of Mount Vesuvius, next to Naples, Italy. If we could imagine Mouseton in America, Duckburg is in Italy.

Walt Disney visited Italy many times: he went with his wife to the cinema Barberini in Rome  in 1935, he went to Venice Film Festival in 1951 and he visited Fiat’s plants in Turin in 1961.

disney

Amedeo Giannini, the Italian founder at San Francisco of the Bank of Italy, sponsored Walt Disney’s Snow White and the seven dwarfs. In addition, Pinocchio is based on Carlo Collodi‘s Italian novel.

As we can see, Italians and Walt Disney are linked several times by a close relationship. Maybe, one of the things that they have more in common is the fact that they are both dreamers. Quoting Walt Disney: <<If you can dream it, you can do it>>.

For more info click here. You can watch this short film on Saturday 15 February, Italian TV channel RAI 1, 11.05 a.m.

* * *

<<C’era una volta un grande artista, che aveva sentito parlare di una terra lontana popolata da gente amante dell’arte e del bello>>.

Con queste parole ha inizio il documentario Walt Disney e l’Italia – Una storia d’amoreche riguarda Walt Disney e il suo rapporto con l’Italia. Questo breve film (62 minuti) è prodotto da The Walt Disney Company Italia e il regista è Marco Spagnoli. Le voci narranti sono Serena Autieri (l’attrice italiana che ha doppiato Elsa nella versione italiana di Frozen) e il giornalista Vincenzo Paperica (il cui vero nome è Vincenzo Mollica).

Ho visto questo documentario al cinema. E’ stato bello scoprire come il mondo Disney abbia influenzato la società italiana negli anni 50′ e 60′. Si pensi al fatto che in Italia una delle auto più usate durante gli anni 50′ era la Fiat 500 Topolino.

Nel documentario ci sono molte interviste ad attori italiani (Riccardo ScamarcioEnrico BrignanoLuca Ward), scrittori (Umberto ecoGianni Rodari), giornalisti, cantanti (Edoardo Bennato), registi (Fellini), stilisti di moda (Elio Fiorucci). Cosa hanno tutti in comune? Topolino. Topolino è stato per loro come un abbecedario: tutti hanno imparato a leggere grazie ai fumetti di Topolino.

163135966-0302aa66-0f3c-4415-838f-dd7b924cdb29

Il documentario spiega come Topolino può essere visto come il tipico americano, mentre Paperino come il tipico italiano. Infatti Paperino è stato inventato in Italia. Stessa cosa per Paperinik e Brigitta (la spasimante di zio Paperone). Persino Amelia vive sulle pendici del Vesuvio, vicino Napoli. Se possiamo immaginare Topolinia in America, allora Paperopoli è in Italia.

Walt Disney ha visitato l’Italia innumerevoli volte: è stato al cinema Barberini di Roma nel 1935, alla Mostra del Cinema di Venezia nel 1951 e ha visitato gli stabilimenti Fiat di Torino nel 1961.

Walt_Disney_Snow_white_1937_trailer_screenshot_(13)

Amedeo Giannini, il fondatore italiano della Bank of Italy di San Francisco, ha sponsorizzato Biancaneve e i sette nani. Inoltre Pinocchio è basato sul romanzo di Carlo Collodi.

Come si può osservare, gli italiani e Walt Disney sono legato da una stretta relazione. Forse, una delle cose che più gli accomuna è che sono entrambi sognatori. Citando Walt Disney: <<Se puoi sognarlo, puoi farlo>>.

images

Per maggiori informazioni visitate la seguente pagina. Se volete guardare in tv questo documentario, fatelo sabato 15 febbraio su RAI 1 alle ore 11,05.

Who stole my Ads? Chi ha rubato i miei poster pubblicitari?


Who stole my Ads? Chi ha rubato i miei poster pubblicitari?

The French artist Etienne Lavie stole the ads from Paris and replaced them with beautiful and famous paintings. A great example of guerrilla marketing! Click on the picture to visit his web site!

L’artista francese Etienne Lavie ha rubato i cartelloni pubblicitari disseminati per Parigi e li ha sostituiti con bellissimi e famossisimi capolavori. Un ottimo esempio di guerrilla marketing! Clicca sulla foto per visitare il suo sito.